Stampa
Categoria: PAROLE NUSTRAE
Visite: 2760
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

USANZE  e  GESTI

 

Ritualità intemelia, ripresa dall'opera "TRA L’ERBA", di Filippo Giglio Rostan

stampata da S.A.S.T.E. - Cuneo 1963

 

 

 

PAPAVERO  -  BAIXADONE

 

      Con l'approssimarsi della bella stagione, approfittando della grandiosa fioritura spontanea nei prati, durante le scampagnate; era usanza assai diffusa che il giovanotto imprimesse, onde suscitarne l’amore, il marchio d'una stella sul dorso di mano della ragazza in simpatia, servendosi del pistillo di un papavero.

 

L’INCANTAMENTU D’U BAIXADONE

                                                                                                              Filippo Giglio Rostan

 

 

D’in baixadone cun a stela

surve a man ti m’ai marcau,

e l’è d’alura, mì meschina,

che òn u cö tütu incantau.

 

Delongu vegu chela sciura

ch’a se cincia e a me da’ a mente …

A l’à ina vuxe tantu duçe

che l’è tü che stagu a sente …

 

Che stagu a sente ... e nöte e giurnu,

ascundendu u mei segretu,

caminu persa drente in sonu

amaru e duçe e inchietu.

 

Perché marcàme ti ài vusciüu

e redüxime cuscì ?

Avù luntan ti sei partiu,

cume pösciu mai garì ?

 

Che sempre chela sciura russa

a l’è lì ch’a me dà a mente,

a me da’ a mente e ch’a me parla,

e l’è tü che stagu a sente.

 

 

          «Fate bela bebina, che duman passa a regina», così dicono i ragazzi al tacchino (a bebina) per fargli aprir la coda (a cua).  Oltre ad aprire la coda, il maschio fa vistosamente dondolare il bargiglio (i barbagli), composto di verruche rosse, che assomigliano molto al corallo.

 

 CHI A L’È A REGINA ?

                                                                                        di Filippo Gigliu Rostan

 

Fate bela bebina,

Duman passa a regina.

A bebina a dröve a cua,

Dui trei passi a fa’ de balu

E a se mete apesa au colu

Ina resta de curalu.

 

A l’è bela a bebina,

Unde a l’è a regina ?

A regina a l’è inti liri,

Inte röse e i giaussemin,

A regina a l’è inte l’üga,

Inte aurive e i mandurin.

 

A l’è bela a bebina,

Cose a porta a regina ?

A regina a porta e cose

Ch’i sun bone da mangià,

A regina a porta e cose

Ch’i sun bele e i fan sperà.

 

A l’è bela a bebina,

Unde a va’ a regina ?

A regina a va’ de-longu

Unde bate u cö d’u sù,

Ma a regina, unde a passa,

A fa’ cresce u gran d’amù.

 

Fate bela bebina,

Perché turne a regina.

E a bebina cu’u ventagliu

Dui tre passi a fa’ de balu

E a se mete ancura au colu

A sou resta de curalu.

 


       «Gaglineta d’u Scegnù mostrarne u camin d'amù»: così dicono i ragazzi alla coccinella che mettono sul dorso della mano. L'insetto gira, gira finché vola via. Mostrerà loro la direzione per trovare il grande amore?

 

U CAMIN D’AMÙ

                                                                                         Filippo Giglio Rostan

 

Gaglineta d’u Scegnù,

Mustrame u camin d'amù. –

A zira, a zira a galineta

In scià man, a dröve l'ařeta

E a piglia u vöřu versu in sciü:

A se n'è andaita, a nu’ gh'è ciü.

 

Gaglineta d’u Scegnù,

Unde u va’ u camin d'amù ?

Unde l'auxelu u t'à pitau ?

Unde l'auxelu i àn massau ?

Unde ‘stu giurnu u nu’ gh'è ciü ?

Unde gh'è u sanghe de Gesü ? –

 

 

      Il «Cassì» è l'acacia farnesiana, i cui fiori arieggiano quelli della mimosa. Si usa metterli tra la biancheria per profumarla.

 

U  TOU  CASSÌ

                                                                                                   Filippo Giglio Rostan

A  Berta 

 

- Gh'eira in cassì contru â müraglia,

In sci mandrigli u sou audù,

In sce sou perle in po' d'aigaglia,

Intu mei cö in po' d'amù. –

 

- Avù i son gianchi i tou cavegli,

E rispuntau l'è u tou cassì;

Gh'è in rie, de vote, tra i tou çegli ...

Te l'òn daitu, forsci, in po' mi ? –

 

      Ancora nel periodo che è intercorso fra gli ultimi due Conflitti Mondiali, era usanza che, nelle sere di maggio, i giovani si riunissero nelle piazzette, o in qualche altro luogo adatto, per allestire un giro-tondo attorno ad una fronda, oppure ad un mazzo di fiori, sospeso, appeso ad un filo teso fra due case. Si diceva che girassero il maggio, tenendosi per mano e cantando opportune canzoncine.

      L'usanza si è perduta persino nei villaggi dell'entroterra, anche se ai giovani che vi abitano non costerebbe molto cercare documenti dell'usanza e magari ripristinarla. In Ventimiglia, l'Agosto Medievale ha ripreso l'uso de «zirà in mazu», nella manifestazione «CiantàMazu», che oggi è diventata patrimonio degli scolari che frequentano il Tempo Pieno nel Secondo Circolo di Via Veneto, Via Roma e Via al Capo.

 

A CUMPAGNA

                                                                                            Filippo Giglio Rostan

 

Tüta ben vestia de giancu

A seve, ‘sta matin,

U bongiurnu a m'à augürau

Passandughe veixin,

 

E inte l'aria, tüt'asseme,

Ciüvina ina cansun

Che d’u cö, cian cianinetu,

A smorça a cremaixun.

 

Brila e rie cuntentu u mundu

Drente l'ouru d’u sù,

Unde pa’ ch'u zire in mazu,

Mazu de grand'amù.

 

Dème a man, a drita, a lerca,

Fème iscì mi cantà:

Inta vostra cumpagnia

Caru m'è ancöi zirà;

 

Caru d'esse inseme strenti

E vive cume i fan

E granete int'ina spiga,

Ina spiga de bon gran.

 

O Belessa, tè ringraçiu

Pe' u tou salüu gentì

Pe' ‘stu duçe bon regordu

Che purteron cun mi.

 

Che ti seci benedeta,

Cumpagna de camin,

Tü, che a gioia ti recami

In sciù nostru destin.

 

      La spiaggia ventimigliese per antonomasia è sempre stata la «Marina San Giuseppe», che prima ancora è stata «San Nicolò», ma che i dialettofoni conoscono come «Ciasa de Suta a Cola», con la sua dépendançe degli “Scoglietti”, che domani saranno del tutto cancellati dal costruendo porto. La Marina è stata caratterizzata nel tempo dalla vistosa presenza di alcuni grossi scogli, dei quali oggi resta soltanto la “Pria Margunaira”, che rischia molto di arenarsi miseramente alla base del prossimo molo dell’esuberante porto.

      Gli scogli storici sono stati: la «Pria Grania», detta anche «Pria Naviglia», lo «Scögliu Autu », la «Schina d'Ase» e la «Pria Margunaira», appunto. La prima, era sul bagnasciuga ed è, oggi, ricoperta (subacà) dalla ghiaia. Lo « Scögliu Autu », enorme scheggione ritto accanto ad essa, rovinò una notte del 1917 ed è anch'esso ricoperto dalla rotonda della Margunaira. Negli Anni Novanta, la Schina è stata usata come appoggio per un poderoso molo frangiflutti, il secondo a partire dalla foce.

 

SICUT  TRANSIT ...

                                                                                                Filippo Giglio Rostan

 

Unde l’è avura a Pria Grania ?

L’è suta a grava subacà.

U Scögliu Autu u l’à seghia:

L’à faitu, u Tempu, derrucà.

 

A mei stagiun a l’è sparia,

In ventu gramu u l’à spassà:

Gh’è caiche facia arreperia,

In caiche buca, in cascelà.