Ancöi l'è
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

ODORI  &  SAPORI

    I sapori odorosi della cucina ligure derivano in massima parte da essenze spontanée della Macchia Mediterranea, quali: alloro, ginepro, maggiorana, origano, rosmarino e timo; pianticelle che gli Intemeli conoscono coi nomi di: auribàga, agàixu, persa, cornabüsa, rumanìn e ferügura.

 

 

PIANTE  SPONTANèE

    Tra gli arbusti della Macchia mediterranea, da sempre mettono radici erbe ed arboscelli che l’uomo ha saputo abbinare ai gusti dei prodotti mangerecci; infatti, anche oggi, restano insostituibili nel tocco conclusivo di qualsiasi ricetta.

    Le erbette commestibili spontanee, ottime per preparare insalate, che vengono sovente esaltate dalla cucina locale, sono state riconosciute dagli abitanti, lungo i secoli, con intuito ed esperienza: e buràixe, i scaparùi, u dénte de can, l’èrba fuìna od ortica, e çime de ràva, assieme a i spàrghi.

 

ORTICOLTURA

    In tempi remoti, assegnati ad un’era che dal 6000 viene verso l’anno 5000 prima della nascita di Cristo, con la comparsa dell’agricoltura sul nostro territorio, dalla spontaneità, sono state ammesse alla coltivazione: u prunsému, u sélaru, i spinàssi, a richéta o rucola; con i fenùgli, i càrdi, e còste d’ê gé. Gli “agricoltori” che giungevano da Oriente portarono con loro: a laitüga, a scaròla, a radicéta, a capücia , oltre a e çevùle.

    Nell’Alto Medioevo, i nostri impararono a raccogliere la caccialepre, detta i scaparùi, oltre ad imparare il nome de a scursunéla, nome che deriva dallo spagnolo “escorso”, ovvero la vipera, il cui morso veniva curato con quelle foglie.

    Altre pianticelle sono state importate dalle aree circostanti: sia dalla Provenza, sia dal Genovesato e dal Basso Piemonte, cosicché oggi crescono spontanee nel nostro entroterra. Con i Porri, u baixaricò, a ménta, a màrva e l’erbaluìsa, sono alcuni esempi; oltre alla pianta, preziosa e rara, de i tàpani, che fu importata dalla lontana Sicilia, in tempi remotissimi.

 

 

MACCHIA

MEDITERRANEA

I N T E M E L I A

 

l’auribàga          alloro

 

u scornabécu    cisto

 

l’arburussìn       corbezzolo

 

u brügu              erica arborea - vegetale usato per confezionare scope

 

a garega             gariga  - tipo di vegetazione mediterranea in macchia

 

l’agàixu              ginepro rosso

 

a ginéstra           ginestra  - pianta tessile coltivata

 

l’arastra              ginestra selvatica, o dei carbonai

 

u lentìscu           lentisco

 

a pérsa               maggiorana

 

a mùrta               mirto

 

a cornabüsa      origano

 

l’erba fuìna        ortica

 

a savunàira       saponaria

 

u tumbaru          santoreggia

 

a ferügura          timo

u rumanìn          rosmarino