Ancöi l'è
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

U  PORTU  PEGÖGLIU

PORTO PIDOCCHIO

    Avvicinandosi i lavori per la costruzione del porto agli Scoglietti, è bene ricordare un toponimo esistente sulla Punta della Rocca, che verrà cancellato dalla moderna opera. Si tratta del sito ospitante “u Portu Pegögliu”, oggi sottostante la “piscina Segreti”.

    Nella sua cronologia di “ciase e scögli de Ventemiglia“, Emilio Azaretti ci dice: “Intra a Prima punta d’a Roca e in grossu scögliu, ditu a Ciapa, ch’u fa’ parte d’i Scöglieti, gh’è in canà, duve ghe passa giüstu in gussu, ch’u se ciamava u Portu Pegögliu, e se ghe tirava i gussi candu gh’eira d’u ma’.”

    Oggi, col mare in burrasca, la possibilità di tirare a secco un gussu nel porto pegögliu è assai limitata dalla presenza del finto muro a secco che sostiene la “piscina Segreti”, ma fino agli Anni Sessanta, molti pescatori sorpresi al largo dalla burrasca, come ultima spiaggia per attraccare senza danni, sceglievano proprio quel sito, specie se la mareggiata traversava da Ponente.

    Il gussu veniva legato, ben in alto sulla calata, tanto da rimanervi al sicuro fino a quando il mare mosso si fosse calmato. Intanto si portavano in rimessa gli “atrassi” e l’eventuale pescato. La mareggiata avrebbe potuto durare qualche giorno, ma una volta terminata il gussu era pronto a prendere il mare, tranquillo.

L.M.

            Dal bordo della piscina                                                                               Dall'alto

 

Prima punta della Rocca

 

 

 2003