Ancöi l'è
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

VENTIMIGLIA  FRONTE  MARE

TREMILA  METRI

PEDONALIZZATI

    Il fronte mare cittadino di Ventimiglia, prospiciente all’abitato Medievale, a quello Ottocentesco e al Moderno, oltre che al Parco Archeologico di Nervia, è continuativamente pedonalizzato e abbellito da recente urbanizzazione. Con la stabilizzazione delle ampie spiagge cittadine, rappresenta il volano per il decollo turistico del Comune, ... quando lo si vorrà.

    Dalle finissime arene della appartata spiaggia, alle Calandre, fino al sito naturalistico dell’Oasi Faunistica, a Nervia; attraversando il Roia, sulla Passerella “Angelo Squarciafichi”, e sfiorando i Giardini Pubblici, tracciati da Ludovico Winter, si possono percorrere, sempre a piedi, i Lungomare cittadini, dominando le amplissime spiagge di ciottoli vivibili, che oggi la città può vantare. L’unico piccolo inconveniente, è rappresentato dalla, neppure troppo fastidiosa, pretesa avanzata da rarissimi ciclisti, a volte anche anziani, che percorrono i marciapiedi per evitare il traffico veicolare, che li spaventa, anche se non sono moltissime le auto transitanti.

 

???????????

    Durante la stagione calda, quando si rarefanno le forti piogge in Val Nervia, la foce del torrente, o meglio “a buca d’a Rivaira”, viene preclusa totalmente dalla robusta barra di ghiaia che concede la formazione de “u Lagàssu”, realizzando il raddoppio della pedonalità fronte mare, davanti ai comuni viciniori di Camporosso, Vallecrosia e Bordighera, fino a Capo Ampelio. Si tratta di altri tremilaseicentocinquanta metri, anche questi di incomparabile panoramicità marittima.

    Bordighera ha persino realizzato i cinquecento metri di collegamento verso la vicina Vallecrosia, a Ponente, che in precedenza erano percorribili sulla ghiaia, o su uno scomodissimo viottolo, ricavato nel tempo sulla scogliera, eretta a protezione della ferrovia, oggi scomposta.

     Dal 19 luglio 2018 è percorribile la passerella ciclopedonale che collega Ventimiglia a ciclopedonale di Camporosso che arriva fino a Dolceacqua. Quindi superare la zona umida di Nervia non è più un problema; anche se il collegamento fronte-mare verso Vallecrosia, sulla spiaggia di Camporosso, non è veramente tracciato.