Ancöi l'è

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

Il Gonfalone è l’insegna ufficiale, la “bandiera” dell’associazione, che all’occorrenza si identifica coralmente anche con l’originale grido di evviva e con l’inno di riscatto delle nostre radici.

 

IL GONFALONE ARTISTICO

    Fondata nel 1927, in piena espansione del fenomeno “gagliardetti e labari di rappresentanza”, la Cumpagnia ha preferito non dotarsi di una propria insegna, ma ha introdotto, a norma di statuto, che il proprio gonfalone fosse quello del Comune di Ventimiglia, provvedendo a fornirne uno nuovo di consone fattezze.

    Trascorsero gli anni, sopravenne una guerra devastante, a seguito della quale le pubbliche istituzioni si ordinarono sotto nuovi concetti, mentre il gonfalone del Comune di Ventimiglia, e di conseguenza quello della Cumpagnia, non variarono più di tanto. Ma negli Anni Ottanta, l’Amministrazione decise di sostituire la propria insegna, a causa della vetustà, quel labaro d’origine fu esposto sotto vetro, mentre un fiammante gonfalone garriva, al suo posto, nelle cerimonie. Non era più il gonfalone della Cumpagnia, quello da essa donato.

    Quando, nell’Agosto Medievale, le Rezerie di Sestiere si sono dotate di Gonfalone, retto dal gonfaloniere e paggi in costume medievale, la Cumpagnia è stata invitata a funzionare da coordinatrice del corteggio degli stendardi, aprendo in pompa magna il corteo storico rievocativo d’agosto.

    Nel 1984, sponsorizzato dall’Azienda di Soggiorno e dal costituendo Ente dell’Agosto, fu confezionato il gonfalone, ornato da una ricamatrice ventimigliese, mentre una nota casa torinese di costumi teatrali confezionò gli abiti medievali per il vessillifero ed i paggi di scorta.

    Da quel momento, un comitato di Signore Socie, guidate dal Console Gonfaloniere, l’addetta al gonfalone, hanno operato per far partecipare il vessillo ad alcuni impegni selezionati, nel corso dell’anno, per manifestazioni indette dalla stessa Cumpagnia, o da Enti pubblici qualificati.

 

URRÀ NOSTRANO

       I padri fondatori della Cumpagnia non hanno dimenticato di dotare l’associazione d’un originale grido di “evviva”, che la potesse identificare almeno nel corso dei raduni con le consorelle.

      Parafrasando lo “urrà” franco-inglese, hanno saputo dotare i brindisi collettivi d’un grido che potesse alzare il livello di autostima, ma anche far ricordare i momenti felici della comune fatica costruttiva.

 

                  Da' grido il provocatore:   “Semu chì !”

                                 collettiva:  ”Féve in la’ !”

                            provocatore:   ”Semu chì !”

                                 collettiva:   “Féve in la’ !”

                                 Unanime:   “Oohh, ìssa”.

 

 

VIVA U SCÖGLIU

 

L’inno delle radici ventimigliesi

 

    Nel 1928, Emilio Azaretti ha steso le parole di “VIVA U SCÖGLIU”, un inno per il movimento di riscatto delle radici ventemigliuse, che si andava formando tra i primi Soci della Cumpagnia.

    La popolarità di questo inno è stata ben alta, fino agli Anni Cinquanta, quando invece è stato spodestato indegnamente dalla assai più frivola e facile canzonetta “Fatene cařà Paulin”, cantata in ogni raduno di Ventimigliesi, quale canto di riconoscimento; tanto da essersi diffusa persino tra gli abitanti dei centri viciniori.

    Ma l’’inno del riscatto ventimigliese, musicato da Enrico Niloni, il popolare Paulu de Melì, è ... e sempre sarà:

 

 

VIVA U SCÖGLIU

 

                                                                            Amu ancura int'i nostri carrugi

                                                          çentu antighi regordi de gloria,

                                                          ch’i ten viva, int'e ure ciü grixe,

                                                          d'a grandessa d’in tempu a memoria:

                                                          e lì drente i l’àn bone raixe

                                                          e speranse d’a nostra çità.

 

                                                              Int'u Scögliu i sun fundae

                                                              i nu’ teme aiga ni’ ventu,

                                                              i sun forte e nostre cae

                                                              i sun forte ciü che u tempu;

                                                              iscì nui semu de scögliu

                                                              e purtamu cun argögliu

                                                              a pasciun de Ventemiglia

                                                              ben fundà int'u nostru cö:

                                                                     Viva u Scögliu !

 

                                                          Amu ancura int'i nostri carrugi

                                                          çentu zuveni sccéti e gagliardi,

                                                          d’esse Scögliu l’é a sou valentixe,

                                                          d’esse düri, nu’ d’esse testardi:

                                                          e lì drente i l’àn bone raixe

                                                          e speranse d’a nostra çità.

 

                                                               Int'u Scögliu i sun fundae ......

 

                                                          Amu ancura int'i nostri carrugi

                                                          çentu bèle garsune, che l’è

                                                          int'u nostru parlà ch’i n’û dixe

                                                          tütu u ben ch’i ne sace vurré:

                                                          e li’ drente i l’àn bone raixe

                                                          e speranse d’a nostra çità.

 

                                                              Int'u Scögliu i sun fundae ......