Ancöi l'è
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

Zona Intemelia

AUTRI PRUVERBI

in Ventemigliusu

 

 

PRUVERBI  INSCI’U  MANGIÀ

Abelinau cume ina süca.

Insulso come una zucca (per sapore e forma).

A l’è savurìa cume i pignöi.

Ha il gusto saporito come quello dei pinoli.

 Pentecustu l’agliu u sciorte dau custu.

Alla Pentacoste l’aglio comincia ad alzarsi dal cespuglio.

A san Bastian tüte e gagline i fan.

A San Sebastiano (febbraio) tutte le galline fanno le uova.

A san Martin se méte u caupun a’u vin.

A San Martino si mette il tappo alle botti del vino nuovo.

A setembre tüte e fighe i pende.

A settembre tutti i fichi maturano.

Ti sei belu cume u giuanin d’ê castagne.

Bello come il vermetto delle castagne.

Büvise in gotu de vin d’asbrivun.

Bersi un bicchiere di vino in tutta fretta.

U l’è bon cume u pan.

Buono (di cuore) com’è buono il pane.

Gh’è chi issa a pria e chi u s’aganta l’anghila.

Uno fa e l’altro ne gode il frutto.

Chi maneza a farina u s’ingianca.

Chi maneggia la farina si imbianca.

Chi pua a vigna de marsu u farà a vendégna a scarsu.

Chi pota la vigna di marzo otterrà il massimo rendimento dal raccolto.

Ciantàu li cume in couru sens’àiga.

Lasciato come un cavolo non innaffiato dopo il trapianto.

Couri setembrin, courin.

Cavoli trapiantati in settembre non crescono.

Daghe u brodu de ünz’ure.

Dargli il brodo, ultimo pasto del condannato a morte nel Regno Sabaudo.

Duçe cume u tetin.

Dolce come il latte materno.

Esse a l’öriu.

Essere così ubriaco, che necessiterebbe coprire l’abbondante vino con l’olio.

Me mangeréva in bö, corna e tütu.

Ho tanta fame da mangiarmi un bue, comprese le corna.

Fa’ in mariagiu cu’e castagne e e fighe seche.

Organizzare le nozze con estrema avarizia.

I ne vön mustrà a secà e fighe.

Vorrebbero insegnarci ad essiccare i fichi.

I s’assemèglia cume ina meřa spartìa.

Si assomigliano come una mela divisa in due parti uguali.

U l’é propiu in macarun cu’u tuccu.

È veramente un uomo zotico.

Pan, cruxe e sacramenti i s’atröva inte tüti i cunventi.

Pane croci e sacramenti si trovano in tutti i conventi.

Pe’ ina dona ch’a dà u làite, in gotu de vin u l’è in gotu de tetin.

Per una donna che allatta un bicchiere di vino è un bicchiere del suo latte.

Se ti vöi fa’ biscà u tou veixin, meti a frize in çevulin.

Se voi far invidia al tuo vicino fai il soffritto di cipolla.

U se gh’atröva ben cume in ratu int’u furmagiu.

Trovarcisi bene come il topo nel formaggio.

U cresce cume u levau d’u pan.

Cresce come la pasta del pane lievitata.

U gh’è cin cume in’övu.

C’è pieno come un’uovo.

U l’è cume a castagna, belu de föra ma drente gh’è a magàgna.

È come la castagna, di fuori bello ma dentro ha la magagna.

Tempu e paglia e e nespure i maüra.

Col tempo e con la paglia le nespole maturano.

Candu sona mesegiurnu ch’i gh’à fame u ven d’inturnu.

Arrivato mezzogiorno chi ha fame gira intorno.

Chi gh’àu pan u nu’ gh’à i denti e chi à i denti nu’ gh’à u pan.

Chi ha pane non ha denti e chi ha denti non ha pane.

I nu’ se fan i mariagi cu’e fighe seche.

Non si fanno le nozze con i fichi secchi.

Nu’ se vive numà de pan.

Non si vive di solo pane.

U porcu u s’ingrascia pe’ fane sausisse.

Il maiale si ingrassa per far salsicce.

S’a nu’ l’è süpa l’è pan bagnau.

Se non è zuppa è pan bagnato.

Se se rüsa int’a cüxina tüti i pasti i van in ruvina.

Se si litiga in cucina ogni pasto va in rovina.

Tantu a va’ a gata au lardu ch’a ghe lascia u zarpin.

Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino.

A cüxinà cu’e brunde, a menestra a sa’ de füme.

Cucinando con le frasche, la minestra ha sapore di fumo.

Chi ghe n’à mangia, chi nu’ n’à u s’arangia.

Chi ne ha mangia, chi non ne ha s’arrangia.

Chi a patiu a fame, u sa’ cos’a l’é a caristia.

Chi ha sofferto la fame, conosce cos’è la carestia.

Chi mangia da pe’ elu, u se strangura in abandun.

Chi mangia da solo, si strozza in solitudine.

A chi nu’ büve de vin, che u Scegnù u ghe leve l’aiga.

A chi non beve vino, Dio gli tolga l’acqua.

Chi semena gran, u nu’ cöglie erba fuina.

Chi semina frumento, non coglie ortiche.

Chi spelüca u nu’ sazuna.

Chi spizzica non digiuna.

Chi vö vive agaribàu, ch’u mange pocu e u se çene aviau.

Chi vuol vivere sano e lesto, mangi poco e ceni presto.

Riçete, done e mode, chi l’acapisce u gode.

Donne, ricette e mode, chi le capisce gode.

Duve ruglia u vin nu’ gh’aparesce chietu.

Dove regna il vino non regna il silenzio.

Büve due die de vin l’è da’ in causu a’u meigu.

Due dita di vino, sono un calcio al medico.

L’è megliu pan e çevula a ca’ tou che pulastri in ca’ de autri.

È meglio pane e cipolla in casa tua che galline e bistecche in casa d’altri.

Faixö pe’ faixö, se ince u pairö.

Fagiolo a fagiolo, si empie un paiolo.

I fagioli sono la carne dei poveri.

I fagioli son la carne dei poveri.

U mangià apreixàu u l’è megliu delingeriu.

Il cibo gradito è meglio digerito.

A fame a l’è chelu che ciü insavurisce u mangià.

Il miglior condimento del cibo è la fame.

Chi mesccia l’aiga a’u vin u l’è in’omu d’u belin.

Il vino annacquato fa l’uomo scialacquato.

L’amù u l’è cume u cugömaru: a l’incumençu duçe e agru â fin.

L’amore è come il cetriolo: dolce all’inizio e amaro alla fine.

A cuvea a te ven mangiandu, cume a sé a va’ via büvendu.

L’appetito vien mangiando,la sete se ne va bevendo.

L’abüsu u l’enscia a büsa.

L’intemperanza gonfia la panza.

A çevula a gh’à tante vertü, e aumancu üna ti a güsti iscì tü.

La cipolla ha parecchie virtù, ed una almeno l’apprezzi anche tu.

A farina d’u demoniu a va’ tüta in brenu.

La farina del diavolo va tutta in crusca.

A megliu carne a stà da veixin a l’ossu.

La migliore carne è quella vicino all’osso.

A pignata gardà a nu’ buglie mai.

La pentola guardata non bolle mai.

L’intupu int’a pignata l’atröva numà u cüglià ch’u remesccia.

I guai della pentola li conosce solo il cucchiaio che li mescola.

A chi nu’ gh’à de denti,u Scegnù u ghe manda i bescöti.

Dio dà biscotti agli sdentati.

Megliu möirì savulu che campà zazün.

Meglio morire sazio che campare digiuno.

U pesciu de poca calità, u brodu maiscì bon u te farà.

Meno pregiato è il pesce e meglio il brodo riesce.

Ina méřa marsa a ne gasta çentu bone.

Una mela marcia ne guasta cento buone.

Int’a bute pecina gh’è u vin preçiusu.

Nella botte piccola c’è il vino buono.

Nu’ se pö avé a bute cina e a muglié imbriaga.

Non è possibile avere la botte piena e la moglie ubriaca.

A pança maiscì cina brüti soni a l’incamina.

Pancia troppo piena brutti sogni mena.

Poca üga, tantu vin: pocu gran, ren de pan.

Poca uva, molto vino; poco grano, niente pane.

U pulastru, a pizza e u pan i se mangia cun e man.

Pollo, pizza e pani si mangiano con le mani.

Candu u perussu u l’è maüru u se destaca da pe’ elu.

Quando la pera è matura cade da sola.

Grite, patele e zin, ti spendi tantu e ti mangià in belin.

Ricci, patelle e granchi molto spendi e niente mangi.

Ina méřa au giurnu a leva u meigu d’inturnu.

Una mela al giorno leva il medico di torno.

Candu in toura manca u vin u sdernà u nu’ va’ in belin.

Una tavola senza vino è come una giornata senza sole.

Aiga de bute e cumpresse de gaglina i fan ciü reu de calunche meixina.

Acqua di botte (vino) e pillole di gallina (uova) fanno meglio di ogni medicina.

Cu’e patate e e çevule inte l’ortu, nesciün de fame u l’è mai mortu.

Con patate e cipolle dentro l’orto, mai di fame nessuno è morto.

Inci u gotu vöiu, vöia u gotu cin; nu’ staru a lascià vöiu, ma nu’ lasciaru cin.

Riempi il bicchier vuoto, vuota il bicchiere pieno; non lo lasciar mai vuoto, non lo lasciar mai pieno.

Candu ün u nu’ ghe n’à, nu’ daghe in pesciu ma mustrighe a pescà.

Se un uomo ha fame, non dargli il pesce insegnagli a pescare.

 

 

PRUVERBI  INSCI’U  BÜVE

 

Chi gh’à cuita a vendegnà pocu vin u imbuteglierà.

Vendemmiare in anticipo non porta risultato.

Se se vö ave’ tantu mustu, gh’è da sapetà d’avustu.

Chi zappa la vigna d’agosto, la cantina empie di mosto.

U laite insci’u vin u l’è tantu verin.

Latte e poi vino veleno fino.

Tantu beùrchi, poca üga.

Molti pampini, poca uva.

D’utubre u vin int’e dughe.

Di ottobre il vino è in cantina.

U vin a’u savù, u pan a l’audù.

Giudica il vino al sapore, il pane all’odore.

U vin u l’è u tetin d’i veci.

Il vino è il nutrimento dei vecchi.

U vin bon u fa’ bon sanghe.

Buon vino fa’ buon sangue.

Tegnite bon u vin agru.

Vino amaro, tienilo caro.

U vin batezau u va’ menu d’in sciau.

Vino annacquato non vale un fiato.

Cin de vin s’è in pö meschìn.

Vino e senno non vanno d’accordo.

U vin u porta alegria a tüta a cumpagnia.

Il vino porta allegria a tutta la compagnia.

U mangià u ghe vö pe’ a tripa, u büve u fa’ lögu a l’arima.

Mangiare è un bisogno dello stomaco, bere è un bisogno dell’anima.

Maniman che u vin u l’intra i segreti i sciorte.

A mano a mano che il vino entra in noi, i segreti ne escono.

Candu u vin u t’à faitu ma’, nu’ l’è sta’ curpa d’u vin.

Quando il vino fa male, non è colpa del vino.

Chi ne sa’ de latin u lauda l’aiga ma u büve u vin.

Chi sa il latino elogia l’acqua ma beve il vino.

L’è megliu spüssà de vin che d’öriu santu.

È meglio puzzare di vino che di olio santo.

Diemughe pan au pan e vin au vin.

Bisogna dire pane al pane e vino al vino.

Mangia da san e da maroutu bevi.

Mangia da sano e bevi da malato.

A l’è assai cürta a vita pe’ büve d’u vin gramu.

La vita è troppo breve per bere vino cattivo.

U vin u l’imbalurdisce l’aspertu u fa’ saviu u gùrdu.

Il vino rende stolto il saggio e saggio lo stolto. 

L’amigu e u vin i dev’esse veci.

Amico e vino vogliono essere vecchi.

Bevi d’u bon vin e lascia l’aiga pe’ u müřin.

Bevi del buon vino e lascia andar l’acqua al mulino.

Chi gh’à d’u pan e d’u vin, u sta’ ciü ben d’u sou veixin.

Chi ha pane e vino, sta meglio’ che il suo vicino.

U vin bevüu mangiandu u nu’ imbriaga tantu.

Vino che si pasteggia non ubriaca.

U vin int’e roche e a süca int’u terrò.

Il vino nel sasso e il popone nel terren grasso.

Ciache bute a da’ u vin ch’a l’à.

La botte da il vino che ha.

Nu’ dumandaghe a l’ostu s’u l’à u vin bon.

Non domandare all’oste se ha il vino buono.

D’u pan fin che gh’e n’è, ma vin fin che s’à sé.

Pane finché dura, ma il vino a misura.

Nu’ te stà a mete in camin se a tou buca a nu’ sà de vin.

Non ti mettere in cammino se la bocca non sa’ di vino .

Lavurime int’a purve, incauzime int’a pauta e te daron vin bon.

Vangami nella polvere, incalzami nel fango, io ti darò buon vino.

Vin de fiascu, â seira u l’è bon, ma â matin u l’è gastu.

Vino di fiasco la sera buono, la mattina guasto.

U vin u desgàglia i segreti.

Il vino scioglie i segreti.

A chi dispune de tantu vin nu’ gh’amanca mai i amighi.

Chi ha abbastanza vino avrà sempre amici.

Ouru, amighi e vin i sun boi candu i sun veci.

Oro, amici e vino sono buoni quando son vecchi .

Chi büve u vin avanti d’a menestra, u salüa u meigu d’â fenestra.

Chi beve vino prima della minestra, saluta il medico dalla finestra.

Fina a candu u nu’ l’è int’a bute u nu’ l’è vin.

Finché non è in botte, non è vino.

U caristiusu u l’è cume l’ase ch’u porta u vin e u beve aiga.

L’avaro è come l’asino che porta il vino e beve l’acqua.

Se ti sei imbriagu, nu’ l’è curpa d’u vin.

La colpa dell’ubriachezza non sta nel vino, ma in chi lo beve.

A megliu meixina au mundu a ne ven föra da’u fundu.

La migliore medicina è il decotto di cantina.

Nu’ se pö cantà e purtà a cruxe.

Non si può cantare e portare la croce.

Nu’ de pö scibrà e sciurbì.

Non si può fischiare e bere.

Spartì u bonümù e u vin cu’ in veru amigu u l’apàga e u leva u dugiu d’a se’.

Dividere il buonumore e il proprio vino con un amico sincero sazia e disseta il doppio.

Cu’ in bon amigu mile goti de vin e mile parole i nu’ sun abasta; ma davanti a in nemigu meza frase a l’è za’ tropu.

Assieme a un buon amico mille bicchieri di vino e mille parole non bastano; ma davanti ad un nemico mezza frase è fin troppo.

In po’ de vin u stömegu u l’assesta, ufende u tropu vin stömegu e testa.

Un po’ di vino lo stomaco assesta, offende il troppo vino stomaco e testa.

Pe’ fasse in’amigu basta in gotu de vin, pe’ mantegnìsseru ina bute a l’è poca.

Per far un’amico basta un bicchier di vino, per conservarlo è poca una botte.

Candu a barba a se fa’ grixulina a vö numà u sciügu d’a tina.

Quando la barba tende al bianco, lascia i piaceri e tieniti il vino.

Övu d’in’ura, pan d’in giurnu, vin d’in’anu, dona de chinze e amighi de trent’ani.

Uovo di un’ora, pane di un giorno, vino di un anno, donna di quindici e amici di trent’anni.