Ancöi l'è
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

 

 

  

     Nell’ultimo decennio dell’Ottocento, invogliato dal prosperante mercato d’oltrefrontiera, il Ponente Ligure avviò un’intensiva piantagione di fiori recisi, a cominciare dalle rose. Nel Ponente più estremo, il territorio della Zona Intemelia, affacciato verso il mare, in prevalenza, ospitò coltivazioni di garofani.

        Il garofano andava incontro ad una accurata maturazione primaverile, assai adeguata e redditizia, seguita da una seconda nella quale moltissimi steli presentavano imperfezioni e sovente doppi calici, decisamente fuori mercato.

       L’abbondanza di steli di quel tipo nella seconda settimana di giugno, suggerì al settore di spostare in quella data il timido corso fiorito che Ventimiglia organizzava in autunno, per cercare di reclamizzare turisticamente la produzione floricola locale. Oltreconfine, nel Nizzardo, erano molto in auge seguitissimi “corsi fioriti”, espressi con sfilate di carri infiorati, dove si festeggiava col lancio di coriandoli e micidiali "confettis".

     A Ventimiglia, l’idea vincente è stata quella di vietare, assolutamente, il lancio di coriandoli e tanto meno di proiettili duro-dolci. La manifestazione venne battezzata “Battaglia dei Fiori” e l’unico proiettile ammesso era un olezzante stelo fiorito.

      Superate le edizioni autunnali del 1921 e ’22 e messa a riposo anche quella dell’aprile 1924, dove i carri ventimigliesi abbandonarono l’addobbo a “bouquet”, di tipo francese, per lanciare quello a mosaico, fornito dalle sole corolle, una particolarità tutta ventimigliese.*

      Dal 1930 al “34, tre edizioni si servirono ancora della sola rete metallica per sostenere le corolle, ma già nel 1935, molti carri adottarono il materassino di rete riempito di muschio, dove la corolla veniva sostenuta infilzata con uno spillone, immesso poi nel muschio pressato. Dal 1936 al ’38, questa tecnica ha dominato evolvendosi.

       Alla ripresa dopo l’evento bellico, nel 1948, al ’69, la sequenza più lunga di Battaglie, combattute anno dopo anno, ha assistito all’avvento del polistirolo espanso, sia in fogli che in blocchi, sostituendo il legno delle strutture portanti col ferro saldato. Con Questa innovazione negli ultimi anni, si è intrapresa la sostituzione del materassino di rete e muschio, ma soprattutto del gesso, per quelle forme che venivano abbellite di semprevivi e di topini incollati, avendone in cambio praticità e leggerezza.

       L’innovazione ha dato modo, alla realizzazione dei carri, di dar corpo a veri capolavori artistici, ma ha necessariamente obbligato la “Compagnia carristica” ad assoldare l’artista scultore/intagliatore di provata capacità, aumentando i costi esecutivi del carro.

    Dopo quattordici anni, dalle edizioni 1984 e ‘85, le nuove tecniche si sono affinate, ma sostanzialmente hanno soltanto permesso di eseguire carri sempre più raffinati e inimmaginabili; fino a quando i finanziamenti hanno concesso l’effettuazione della Battaglia.

      Trascorsi dieci anni di inattività, nel 1995, la Battaglia è ripresa, con soltanto due interruzioni, fino al 2013, quando si è combattuta la Cinquantesima edizione, che ha visto consolidarsi la variante tecnica generale, sulla struttura del carro. Il carro oramai non accetta più il “plancet”, ovvero l’impiantito di base, che agli albori ospitava il numeroso equipaggio di battaglianti. A questa necessità ci hanno pensato gli appositi carri Bombardieri.

  NOTA:

*    La tecnica a mosaico, eseguita con la rete metallica a maglia fine, infilando il calice del garofano dentro il buco esagonale piccolo, con la corolla bene in mostra, ha ispirato i carristi mentonaschi, i quali usando però la rete metallica da pollaio, esagonale grande, hanno potuto passare dall'uso dei fiori, all'utilizzo degli agrumi, per reclamizzare i loro antichi “çitron”. Con la policromia fornita dei limoni e delle arance del XVII secolo, hanno messo in piedi una strepitosa kermesse che ancor oggi fa di Mentone la perla del Mediterraneo.

                                                               da U BERRIUN n. 12 - 2020 

 

                 1929                                    1934                                    1935                               

                  1936                                    1938                                   1948

                  1955                                    1956                                   1957  

                          1964                                     1967                                  1967

                             1967                                  1967                                      1968

                           1968                                 1935                                   1996

   

                           2007                                   2008                                      2010   

 

                           2011                                   2013                                      2013

   

 

INT'A BATAGLIA

 

CANZONI DI BATTAGLIA

 

LIBRO DA SCRIVERE

  

I BUMBARDEI

 

BATTAGLIA DISMESSA

 

IL "MALE OSCURO" DELLA BATTAGLIA

 

CINQUANTESIMA BATTAGLIA

 

FUTURO DI BATTAGLIE