Ancöi l'è
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

TEATRO

SENZA

FRONTIERE

 

I DUI CUSTANTIN

riduzione in “ventemigliusu” da “I MENECMI” di Tito Maccio Plauto

recitata  in Francia,  a  Mentone  e  a  Monaco Principato,  nel 1966

 

    Nel 1964, alla ripresa della produzione costante da parte della Cumpagnia  d’u Teatru Ventemigliusu, il dottor Emilio Azaretti concordò con Nino Lamboglia la possibilità di recitare sulle scene del Teatro Romano di Nervia, alcune riduzioni tratte da Tito Maccio Plauto, riportate in “ventemigliusu”.

    Prospettata un’apertura su quella possibilità, Azaretti mise a punto “I dui Custantin”, ripresa da “I Menecmi” e “A pignata”, derivata da “L’aulularia”, consegnandone i copioni a Pierino Sismondini, il quale attivò in tal senso la Cumpagnia.

    Dopo qualche mese “I dui Custatin” era pronta per il debutto, ma i tempi per agire sulle rovine del Teatro Romano di Nervia non erano ancora maturi, come lo sono oggidì, dopo gli interminabili lavori di messa in sicurezza ministeriali. La Soprintendenza non concesse il nulla osta, quindi “I dui Custantin”, perfettamente ambientata in epoca antica, debuttò al Comunale, con discreto successo.

    Azaretti non perse tempo, andando a contattare gli amici monegaschi, che in occasione del Centenario della fondazione di Montecarlo, avendo previsto tra le celebrazioni una “Settimana Italiana”, avrebbero potuto ospitare nel loro teatro la recita de “I dui Custantin”. L’appuntamento venne fissato per il giugno del 1966.

    Nel frattempo, avuta notizia del probabile evento, anche Mentone chiese di poter assistere alla commedia, indicendo una prima nella “Salle des Conférences”, nel mese d’aprile, tanto da far ambientare al pubblico francese i nostri attori.

    Le due date vennero regolarmente rispettate, con grande successo da parte del Teatru ventemigliusu, non nuovo ad appuntamenti mentonaschi e monegaschi, derivanti dalla fattiva collaborazione tra le associazioni per le tradizioni delle tre città costiere, molto attiva negli Anni Trenta, fino all’immediato anteguerra, che desolatamente troncò ogni contatto.